più piloti maschi che femmine? per il corriere.it è discriminante retributiva! (machediav…)

rif: articolo corriere.it
da dove poteva saltare fuori un articolo simile se non dai nazifemministi  del corriere della sera? (in questo caso nel loro campione di turno: Leonard Berberi)

  • prima pagina
  • area delle notizie in “rilievo”
  • titolo in caratteri cubitali modello “dramma ed ingiustizie che non finiscono mai!!!”
  • colpevolizzazione gratuita (indiretta) al genere maschile
  • titolo a caratteri cubitali:

Ryanair paga le donne il 67% in meno rispetto agli uomini

poi uno legge un attimo… (ma neanche tutto l’articolo, basta passare al sottotitolo) per avere una spiegazione che presenta un quadro ben diverso:
ad essere pagati con questa differenza sono i piloti (per la quasi totalità maschi) confrontati con le altre classi di lavoro (che avranno sicuramente una remunerazione inferiore). che è un po’ come confrontare un quadro con un impiegato… differenze di mansioni, differenze di retribuzioni.
ovvio a tutti tranne per chi è di parte femminista… e vuole farne un titolo con l’ovvia intenzione di disseminare odio. “ah, ecco un’altra ingiustiziaaaah”

perchè non scrivere semplicemente “in UK ci sono 554 piloti maschi e 8 piloti femmina“??? forse perchè di controreazione verrebbe da pensare che l’interesse per essere piloti di aereo è maggiormente maschile che non femminile? (e che, bho chissà… magari esisteranno anche 554 laureate in gender paygap e 8 laureati in gender paygap?)
ma no!!!! meglio il titolone BOMBA scandalistico, che dipinge un genere come favorito, altrimenti come si può compiangersi e gridare all’ingiusta oppressione maschile?!!?!?

fare il titolone scandalistico per fare intendere intenzionalmente una cosa (fuorviante) e poi mettere la spiegazioncina nell’articolo stesso, che differeisce del tutto rispetto il titolo, è la classica mossa da codardi. tirare il sasso, nascondere la mano.

a quanto pare sentirsi e volersi oppressi, dal genere maschile, è giustificante in ogni cosa. e compiangersi da vittima spiega tutto.
apparentemente.

poi il mondo competitivo se ne fotte di queste “emozioni positive da condividere” e và avanti comunque come uno schiacciasassi.


 

per ricordare:

patriarcatoooh_plane

 

 

…ebbè.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...