quando sei femmina ed insultata, ma le nazifem sono troppo impegnate con il patriarcato.

è grazie ad un articolo del corriere che mi è tornato in mente un paio di casi epici che è impossibile rimuoverli dalle memorie per quanto sono stati uno spettacolo di squallore etico devastante.

la prima è appunto Ilaria Capua, quella ricercatrice accusata di essere (se non ricordo male) un’untrice, una che gozzovigliava grazie all’ebola in africa, creare morti e di conseguenza fare la cresta tramite tangenti per il vaccino. poi si scopre che aveva depositato i suoi studi online accessibili a tutti gratuitamente e che le indagini erano andante nel nulla.
i fautori di questa caccia isteriche se non ricordo male era…

image

a cui ovviamente si erano subito accollati le peggio merde subumane, tutti a vomitare il loro meglio… con insulti devastanti di auguri di morte, stupri, violenze, torture, inneggiando all’oscurantismo che la notte dei cristalli a confronto era un raduno di boy scout.

e visto che ci sono di mezzo gli animalisti in entrambi i casi, ‘sta storia riporta alla memoria la seconda faccenda:  Caterina Simonsen… un’altra ragazza che è stata travolta come un moscerino dal treno dell’odio oscurantista internettiano. ed anche qui, le peggio merde umane fascistoidi hanno prodotto un fiume di merda e vomito da rimanere sbalorditi. rea di aver appoggiato la ricerca scientifica ovvero la ricerca pro test animali… anche qui come per la Capua, i subumani hanno “lavorato” la ragazza massacrandola con i classici auguri di morte, stupri, violenze, torture ed anche un pochetto d’ironia, visto che non se la passa molto bene grazie alla sua malattia.

quanti gli insulti per la Capua, lo stesso lo ha subito la Simonsen. in questo caso la situazione è aggravata dal fatto che la Simonsen è affetta da un paio di malattie gravi e non “risolvibili”.

a difenderle, in entrambi i casi, erano pochissimi e quasi tutti legati a gruppi scientifici.

ora… se non fosse stato proprio per l’articolo di oggi del corriere, me ne sarei dimenticato e via. MA il fatto è che ora, per il corriere, la Capua è un simbolo della conquista femminile (e che, tanto per dire, l’espresso si vanta di esserne uscito pulito)

non per dire… MA DOVE CAZZO ERANO LE FEMMINISTE?

le care nazifem novelle Don Chisciotte, sempre pronte contro il patriarcato (ma solo contro il patriarcato eh), che riempiono i byte dell’universo internet per le lotte che devono subissarsi e la traccedia di essere femmine perennemente aggredite dalla loro stessa ombra (oltre al fatto di salvare il mondo ogni istante della loro vita)(sedute comodamente in cameretta davanti al computer con una tazza calda ed appagante d’infusi ai fiori di Bach mentre ripetono tutti i maschi sono stupratori ed altre perle)(o per strada ad urlare i soliti slogan preconfezionati evergreen) com’è che in questa faccenda rientrano nella categoria “NON PERVENUTE”?????

faceva paura scendere al fianco di due persone che si erano esposte ed erano in una luce dubbia, eh?

paura-eh1

…sempre e non ammesso che la maggior parte delle nazifem non sono altro che delle nazianimaliste… 

aaaaaaaaah no…. ora convengo…. quanto subito dalle due persone E’ OPERA INDIRETTA DEL PATRIARCATO!!!!

maccerto cazzo!!!!!

…orcatroia come ho fatto a non pensarci!!!

ma….

un attimo…

allora perchè in quei momenti nessuna nazifem lo ha detto?

no perchè adesso un bel post su quanto la Capua è una donna di successo, ora ci stà bene.

adesso.

Un pensiero riguardo “quando sei femmina ed insultata, ma le nazifem sono troppo impegnate con il patriarcato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...