battaglie femministe VEREEEH

eeeeh…. la vita… riesce ad essere sempre ironica.

era il 6 o 7 marzo. sui “muri” dei lavori in corso attorno al duomo di milano, erano state incollate delle “opere artistiche” di denuncia sociale, opere create dall’artista aleXsandro Palombo. DISEGNI raffigurati i principi dei cartoni disney arrestati da donne carabiniere (che avevano i volti delle principesse disney), con le principesse disney “normali” (quindi vestite come viste nei cartoni relativi) abbattute e piangenti a lato. questo per fare intendere che “i principi” ovvero i maschi e quindi “fidanzati/compagni/mariti/padri” sono violenti. ed i violenti vengono arrestati dalle donne.

arriva l’8 marzo. ed arrivano anche loro, il branco femminista. per la precisione sono la divisione di Non Una Di Meno. arrivano davanti l’opera… e lo vandalizzano. strappano le facce alle principesse disney vittime, strappano il motto “we can help you“. poi… scrivono con un pennarellino “mi aiuto da sola” e “mi aiutano le compagne” e relativo numero della loro help line 1522 che aiuta SOLO le donne. si perchè se un maschio chiama l’1522 per chiedere aiuto dalla compagna violenta, loro se la ridono di goduria (le testimonianze che si trovano in giro sono talmente imbarazzanti da essere ovvie)(vedesi i casi delle lesbiche… se una chiama per chiedere aiuto dalla compagna violenta… il sistema femminista finisce in crash… e la vittima viene sacrificata per la giusta causa)

ora… la prima cosa ironica che salta fuori è la contraddizione. “mi aiuto da sola” e subito sotto il numero e “mi aiutano le compagne“.

è un pochetto così. in un modo… ma magari anche in un altro…

siamo fortiiih siamo tonneeeh“. e subito dopo “siamo obbresse aiutateciiih“.

è come sempre tutto ed il contrario di tutto.

la coerenza non esiste, la contraddizione è l’unica realtà.

vabbè.

poi c’è l’ironia di aleXsandro Palombo. lui è pro femminismo, si è fatto il business con la causa femminista. è quello che definirei un patetico indottrinato dal femminismo.

…ma è maschio 🙂

quindi, secondo la propaganda femminista, “lui opprime la causa femminista con i suoi interventi“. e a seguire è la solita dottrina religiosa femminista: “è il solito maschio che prevarica le donne. è il solito maschio che ruba la scena alle donne. è il solito maschio che parla di cose che solo le donne conoscono“. motivazioni di comodo per abbattere il maschio. perchè POI devono passare per vittime… e rimarcare “maschi tutti pezzi di merda” (cit) le femministe sono subito ad urlare “i maschi non sono mai con noi e non ci supportano“. ed ecco al solito altre contraddizioni.

coerenza? nel cesso. cesso che è il contenitore femminista della loro materia cerebrale.

qualche settimana fa scrivevo l’ironico titolo:

“e anche questo 8 marzo… attendo”

dell’articolo in https://27esimamisoginia.wordpress.com/2021/03/07/e-anche-questo-8-marzo-attendo/

niente…

mi aspettavo rivelazioni femministe in grado di scardinare gli equilibri del mondo. invenzioni femministe in grado di cambiare il destino dell’umanità.

…hanno strappato i disegnini di un tizio.

ma ehy!

L’OTTA FEMMINISTAAAH!!!! LE STREKE SON TONNATEEEH!!!!

patriarchy

mi immagino le guerriere di NudM tornare a casetta, dopo questa temibile guerra sanguinosa per la libertà femminile, passata ai limiti del Duomo di Milano con un pennarello, mentre trangugiano antidepressivi e mangiano seitan con semi di soia della confezione preparata del supermercato con lo sconto del 30% pagata con i soldi delle donazioni “delle sorelle” su onlyfans, senza MAI mollare quei poveri gatti che provano sempre a suicidarsi alla prima occasione buona, per evitare le loro carcerieri isteriche.

we-all-can-do-it

🙂

4 pensieri riguardo “battaglie femministe VEREEEH

  1. Perdona la mia ignoranza, ma chi è la donna con i capelli rossi della gif che hai messo?
    l’ho già vista diverse volte su alcuni siti, ma non ho mai capito se è una femminista famosa… o una politica o qualcosa del genere. Se è un personaggio famoso, ma io non la conosco, puoi dirmi chi è questa signora?

    "Mi piace"

  2. non la conoscevo, ho visto che si chiama Chanty Binx, ma non ho trovato nessun libro scritto da costei.
    ci sono solo video su youtube!
    Ha più l’aspetto da professoressa universitaria che non da femminista militante da collettivo stile “anarchiche punkabbestie”, però. forse proviene da quell’ambiente lì.

    "Mi piace"

    1. è una delle tante femministe isterico attiviste che per stupidità, per femminismo, finiscono nella “fama”.
      questa è diventata famosa per la sua verve e per il suo contro rispondere “it’s patriarkyyyy” che l’hanno resa meme in un attimo.
      di queste ce ne sono una valanga… una più cretina della precedente se possibile.
      ed ovviamente, DOPO, frignano di essere finite nell’occhio del ciclone.
      tipico femminismo.
      prima vomiti la tua merda e poi pretendi di passare per vittima.
      sono così, piccole infami, principessine a cui non puoi nulla ma loro se la permettono per dovere divino. dove divino è femminismo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...