era “Odio” gli uomini (Harmange). ora è “femminismo decifrato”.

simbolofeminazi_0

alcuni mesi fa usciva questo libretto, Odio gli uomini, scritto da una femminista francese, tal Pauline Harmange. una delle tante femministe che al mondo ruba ossigeno ed impesta il suolo.
inutile dire che il libro acquisì da subito popolarità per “l’intraprendenza femminile e femminista dell’autrice, una vera paladina della lotta alla tirannica oppresione maskilistaaah” (le solite panzane per scimmiette cretine)(i titoli onorifici fittizi che le femministe sono in grado di attribuirsi è parte del loro innato delirio psichiatrico).

quindi, per mesi ci fu questo “scalpore“. scalpore che per le femministe era più che altro idolatrizzazione (finalmenteeeh parlaah qualcunaaah!!! ci obbrimeteeeh maski obbressori privvvilegggiatiiiih) mentre da parte maschile si notava come, fosse stato scritto un libro simile da parte di un maschietto e con titolo opposto (ovvero un ipotetico “odio le donne”) sarebbe stato un inferno in terra in tempo zero.

e questo è quanto.
il can can che si creò, alla fine, era ed è tutt’ora più per il titolo che non per il (povero) contenuto…

contenuto. 

parolona.

vi ho messo (virtualmente) le mani su questo testo, poco tempo dopo l’uscita e ben felice di averlo trovato piratato gratis da qualche parte nella rete.
eccosì, preso da un senso di dovere scientifico razionale, ho dissezionato il libricino.

la manciata di pagine (manco 200… tanto per dire) e la dozzina di capitoli, è una sorta cloaca di luoghi comuni femministi, tutti beoti, come se una persona sana di mente andasse ad assistere ad un raduno di deficienti che urlano a muzzo. il tutto poi, scritto a cazzo… e non intendo “grammaticalmente errato” (cioè dico… se uno legge la mia roba dovrebbe essere abituato ad accenti sregolati, soggetti mancanti, discorsi intricati… insomma un bel casotto grammaticale). scritto alla cazzo intende senza una pianificazione, nel pieno di turbe emotive, senza alcuna razionalità e logica. SENZA ALCUN FILO CONDUTTORE (escludento quello che è classico filo conduttore femminsta: “maschi merda cacca pupù, io femmina vittima migliore meglio the best ma oppressaaaah”)

il libro parte da un “problema” e poi si passa ad un altro, per poi un altro, per poi cacciar fuori dati raccolti da femministe (quindi dati a proprio favore), per poi fare illazioni, per poi divagare in altre “problematiche”, per poi contraddirsi involontariamente senza neanche accorgersene (apparentemente) un fottio di altre volte a sequire. magari anche nella stessa frase.

così ecco la mia idea originale:
contro ribattere punto per punto, per mostrare quanto queste scimmiette femministe siano una contraddizione schifosa, un’ipocrisia sbalorditiva. puramente cretine. schifosamente viziate.

e quindi… ho iniziato a contro scrivere.
tutto bene no?
beh, no.

mentre scrivevo… diventava sempre più evidente che quanto si stava formando era una sorta di titanico “quote“, punto per punto… solo che i punti erano tutti slegati tra loro… visto che la base di partenza era un bordello.
e qui noto come, per costruire un qualcosa dal pantano isterico femminista… è semplicemente impossibile.
prima lo dicevo, ora ne ho anche la prova dettata dall’esperienza.

ed il risultato è che quanto stavo scrivendo come contro risposta al libro, era come leggere un qualsiasi botta e risposta su qualche social media tra una skoppiata femminista gattara in follia ormonale ed una persona che prova a ragionare con razionalità e logica: discorsi sconclusionati che si tenta di arginare con qualche ragionamento… ma alla fine tutto finisce travolta dalla merda isterica femminista e diventa un cazzo di bordello della michia.

…eh si, prego notare la quantità di terminologie poetiche in uso in quest’ultima frase… quali “merda, cazzo, bordello e minchia”. rendono l’esperienza più veritiera, umana e completa. 

eccosì… ecco quanto: verso la fine del lavoro, mi son trovato con qualcosa di inpubblicabile.
temevo una bandiera bianca….

MA

ecco… io non saprei dire se è destino o se è una mia caratteristica, quella di tenere documenti in virtuali “spazi eterni” fino all’occasione giusta… ma di fatto, capitò che tempo dopo, incappai in una recensione femminista di questo libro, io “odio” gli uomini… (ah, si… tanto per rendere ancora meglio la situazione: l’autrice, la sig.ra Pauline Harmange, odia gli uomini… ovvero: li odia. ma non li odia)(tanto per dire contraddizioni femministe… da subito nel titolo. manco 1 pagina spende… no! a cannone da subito. è la follia totale).

ora, tornando a quella recensione femminista trovata per caso…
…praticamente tutto il testo era la solita fuffa femminista.

…ma ecco… in questa recensione… salta fuori un concetto.

anzi… nell’ironia della sorte, salta fuori quello che per me è ora IL concetto femminista.
e quanto scriveva la femminista che recensiva il libro, era qualcosa tipo:
“adoro ‘ste contraddizioni, perchè queste contraddizioni esistono nelle nostre vite. la vita non è bianco o nero”

la prima cosa che mi sono detto? cazzo, le femministe sguazzano nell’ipocrisia come topi nella merda delle fogne.
…e se ne compiacciono pure!

ma ecco… a quel punto ho scoperto l’acqua calda: in tutti gli ambienti antifemministi, tutti, ma veramente TUTTI, viene notata quest’ipocrisia femminista che è la base stessa del femminismo come dell’essere femmina… ma non si concepisce lo step successivo…

ovvero: alle femministe, come alle femmine… adorare le contraddizioni che tornano comodo è appunto un piacere.

per questo che, quando partono le discussioni femministe VS antifemministi, quando la femminista viene rinfacciata di ipocrisia e contraddizioni… la femmina o femminista non concepisce alcuna reazione. e per questo poi muove in altri discorsi come se nulla fosse. una volta messa all’angolo e sgamata per la sua ipocrisia e contraddizione totale…………… niente… passa oltre con totale tranquillità, incapace di assumersi responsabilità e nell’indifferenza delle prove presentate o dei sentimenti (ah, notate quest’ultima frase… è la DEFINIZIONE per sociopatia)

per la femmina o femminista, l’essere cuccata in contraddizione e incoerenza NON è concepito come problema.

è un vanto.

è un valore.

è un piacere.

e qui si ritorna a questa femminista che recensendo il libro, se ne esce con “adoro ‘ste contraddizioni, perchè queste esistono nelle nostre vite. la vita non è bianco o nero”.

“adorare le contraddizioni”

solo una femminista poteva scrivere una bestialità simile e vantarsene. coerenza zero. emozionalità smisurata e fuori controllo del proprio io.

ovviamente… adorare le contraddizioni… fin tanto tutto torna comodo.

tutti gli antifemministi hanno scritto gozilioni di terabyte in merito, online come su libri, su questa perenne titanica ipocrisia femminista, sul loro contraddirsi nei peggio modi.

eravamo tutti concentrati a “sgamare” le contraddizioni che non ci siamo accorti di come per le femministe e femmine… l’essere sgamata è al pari di un valore, è IL PIACERE. 

se per i maschi, ipocrisia e contraddizione che portano a valore e piacere sono un tilt logico, che crea uno smacco imbarazzante, per le gattare è normale quotidianità in cui sguazzare, piacere e vanto. ma soprattutto è una ovvietà innata in loro e fomentata da loro stesse. è come dire che il sole è nel cielo blu tra le nuvole. 

quando gli antifemministi raccolgono prove e debunkano le femministe, queste reagiscono in totale disinteresse come se appunto avessero letto una banalità quale:”il sole è nel cielo blu tra le nuvole”. 

per questo che, una volta sgamate, sparano fuori altre troiate senza ritegno (troiate che a loro volta si contraddicono con quelle precedenti…) senza provare alcun sentimento di fastidio per essere state smascherate nella loro schifosa ipocrisia. sanno di essersi contraddette e di essere delle ipocrite schifose… MA SE TORNA LORO COMODO, SE LO GUSTANO TUTTO.

contraddizioni che sono valevoli solo per loro femministe e femmine… ma appena beccano una contraddizione di un lui… apriti cielo.

torno al libro?

tanto per dare l’idea… la cretina scrive una vagonata di luoghi comuni femministi… e nella bolgia, lei stessa si rende conto delle contraddizioni che saltano fuori.
lei odia i maschi ma ama immensamente suo marito / odia i maschi ma stare con i maschi è meglio / e così via.

la totale mancanza di razionalità che porta all’analisi… che a sua volta porta informazioni utili per capire e capirsi… e quindi migliorarsi, spiega come mai il femminismo sia NULLA. solo aggettivi del cazzo, turbe emotive slegate, vizi di principessine. e questo spiega come mai, nei millenni, un sesso abbia “sclerato” mentre l’altro abbia razionalizzato… come mai uno sia sempre perso nel tempo ed uno abbia “evoluto”. evoluto nel tempo, come abbia “evoluto” il tempo. sbagliando molte volte, ma questo è anche la via per crescere.

ed il finale diventa chiaro: un sesso ha creato il femminismo. un sesso ha creato redpillati che hanno creato MGTOW. le prime si sono affossate con facilitazioni permesse, che per ironia si sono rivelate sempre a doppio taglio… ed il trend è da sempre in peggioramento. i secondi sono nell’eterna ricerca del miglioramento nella difficoltà della vita… e per 10 che cadono o falliscono, 1 traccia una via o svetta. e crea per gli altri. che, a questo punto, fanno un altro passo nella storia della vita. e le femministe? da qualche parte a frignare. come zecche che vivono a sbaffo.

odio gli uomini è un libro pateticamente insignificante. quasi imbarazzante.

conferma come il femminismo sia ipocrisia e contraddizione.

ma ad oggi, con questa sorta di chiave di lettura, o scoperta dell’acqua calda… questo “adoro ‘ste contraddizioni, perchè queste esistono nelle nostre vite. la vita non è bianco o nero” è come scoprire la Stele di Rosetta tra umanità e femminismo.

adorano la loro ipocrisia… fin tanto torna loro comodo.

tanto possono.

…le care vittime.

114453403_3091550674232513_7333531835278996540_n

 

è un femminicidio, solo meno importante.

il titolo è una citazione alla chiusa del “trailer” di Maccio Capatonda, “Che cazzo dico“, dove la protagonista risponde al suo fidanzato innamoratissimo, con la frase malvagiamente geniale: “no! io ti amo! ma ti amo di meno…” e poi a chiudere “ti amo… al 40%!
 
ora…
la cosa per tempo l’ho presa come una gag geniale.

MA…

ecco… il fatto è che in ‘sti “giorni” (praticamente 1 mese) è capitato un fatto di cronaca.
non un fatto di cronaca “classico”…
una mattanza orribile: 
una famiglia intera, ammazza un proprio familiare più giovane.
 
per essere meglio precisi:
una ragazza, Saman Abbas, di 18 anni, è stata uccisa (si è vero che non è stato trovato il corpo e MAGARI E’ ANCORA VIVA… ma considerando la situazione ed i soggetti coinvolti, sperare che questa ragazza sia salva è abbastanza un’utopia).
uccisa dallo zio ed altri parenti, con il nulla osta di madre, padre e resto della gang.
…che ora ovviamente fanno i salti mortali a suon di “no è che ero impegnato a salvare i binbi albini ciechi in burundi” o “lo zio assassino è solo colpa sua, io avevo paura di quel tizio alto 1 metro ed un tappo che viveva altrove“.
il movente? pare che la ragazza fosse innamorata di un italiano, oppure che volesse vivere da occidentale, oppure sti grandi cazzi…
è stata trucidata dalla famiglia, per me poteva anche voler vivere al polo nord in perizoma, nulla giustifica la sua uccisione.
 
comunque… è da un mese che questa ragazza è scomparsa.
ed anche se non ho seguito moltissimo le vicende… c’era qualcosa che puzzava.
 
Saman Abbas è stata massacrata orribilmente a morte… SETTIMANE FA!
scrivo queste righe a metà Giugno…
la ragazza è scomparsa a fine Aprile.
1 MESE eh…
più di 30 giorni in cui ogni tanto sono comparsi titoli di cronaca in maniera più o meno esposta… ma niente di altro. 

poi l’illuminazione:

ma… FEMMINICIDIO?
 
eh si…
 
perchè ad oggi:
  • nessuno show femminista in merito.
  • nessuna manifestazione “non una ti menooooh” contro queste barbarie.
  • nessuna scimmietta femminista a fare la morale sulle varie riviste, blog, facebook a pakistatini e sopratutto musulmani che mal gradiscono vedere le loro figlie vivere da occidentali o peggio sposarsi un NON-musulmano.
zero eh.

il nulla.

eccola l’anormalità.

ma trovata l’anormalità, c’è tempo per un’altra sorpresina.
 
leggendo di questa Saman Abbas, mi è tornato in mente che qui nel nostro paese, c’era stato un caso simile alcuni anni fa…
altra ragazza musulmana uccisa dalla famiglia per gli stessi identici motivi. ed anche allora, non vi era stato uno sdegno femminista…
così piglio e faccio una ricerca per trovarmi il nome. uccisa Saman oggi, come si chiamava quell’altra Saman uccisa dal padre musulmano, anni fa?
e la cosa diviene ulteriormente imbarazzante perchè… beh… goooooogle mi trova non pochi casi simili. 
 

eh si… perchè Saman Abbas NON è la prima figlia uccisa da familiari musulmani, in Italia. 

…e probabilmente non sarà l’ultima…

non è la prima volta che i musulmani ammazzano figlie perchè queste sarebbero “colpevoli” di voler fidanzarsi/sposarsi il NON-musulmano di turno o vivere da occidentali.

…e le care scimmiette spastiche femministe… come mai non sono mai intervenute?

da cosa erano impegnate?
voglio dire…
in queste settimane da cosa erano okkupate?
…no perchè hanno urlato, da brave scimmiette, la tragedia del:
  • catcalling per strada. “abbellaaah!!!!” è “ORROREEH e FIOLENZAAAH!!!!”
  • la legge ZAN, che è si giusta! o fose no sbagliata… l’importante è parlareeeeh!!!!
  • i figli che vengono tolti alle donne nei divorzi “è sballiaaatoooh e gondro naduraaah
  • rivangare il video porno girato da una ragazza che poi s’è pentita e si è suicidata…

ma di questa ragazzina ammazzata dalla sua famiglia pakistana musulmana…

SILENZIO.

omissione.

omertà.

la mafia femminista non ha detto un “beh” in merito ai fatti legati al caso di Saman Abbas. 

per cui si arriva alla verità:

le femministe non hanno mai detto nulla delle VARIE Saman Abbas.

le scimmiette femministe SEMPRE tutte mute.

il nulla nelle pagine femministe e nei blog femministi.

zero manifestazioni “indinnniaateeeeh” di “non una di meno”. (beh a quanto pare alcune di meno si… ed eccome).

niente. il niente.

 

una ragazzina di 18 anni viene ammazzata perchè si rifiuta di sottostare alle VERE regole  oppressive PATRIARCALI… e per le femministe non è accaduto nulla. 

e mentre realizzavo…
l’illuminazione:

“BIANCO”.

eh si.
oh già! 
 
Saman Abbas è pakistana… ed i suoi familiari assassini… sono pakistani.

ci stiamo capendo?

…vabbè, mettiamolo nero su bianco:

questo è si un femminicidio per le scimmiette femministe spastiche… ma ecco, è un femminicidio meno importante perchè i suoi killer NON sono maschi bianchi.

 
il cerchio è stato quadrato.

nessuna femminista ha alzato il tono perchè in questo caso non ci sono maschi bianchi da attaccare.

non c’è infamità da poter tirare verso l’unico vero obbiettivo del femminismo: il maschio bianco etero cis (privilegiato oppressore stupratore assassino violento colonialista)

nessuna delle solite figure di spicco come nessuna delle figure “secondarie” ha detto nulla per questo motivo.

 
ed eccola la verità:
Saman Abbas… sei femminicidio “al 40%
(cit.)
(rif. vedi apertura)
 
la tua sfortuna, oltre ad essere stata massacrata orribilmente a morte dalla tua famiglia e a soli 18 anni è che le femministe hanno il business del dover distruggere la figura del maschio bianco.
…e la tua famiglia tanto bianca non è… quindi… per l’appunto: “….è un femminicidio al 40%”.
CIAONE 😀
 
e tanto per far capire…
quelle poche che hanno anche provato a motivare il silenzio femminista in merito a questi fatti di Saman… hanno mostrato tutta la loro patetica infamia femminista:

eeeh ma con tutte le tonneh uccise dai loro familiariiiih, questo caso non è diversoooh!!!!

NO cara scimmietta femminista ritardata…

non è la stessa cosa.

un marito che ammazza la moglie è un evento orribile… 
…ma una famiglia (3 persone) che ammazza(no) un familiare più giovane, non è la stessa cosa per un cazzo di nulla in nessun luogo di questo cazzo d’infinito universo.

NON E’ LA STESSA COSA MANCO PER IL CAZZO.

bisogna essere veramente degli scarti umani per arrivare a comparare i due casi “è come tutti gli altri femminicitiiiih“.
 
e per scarti umani intendo femminist*.
 
 
quindi… care le mie femminist*… rimanete pure nelle fogne dove vivete (anche se, il vostro tanfo schifoso sorpassa il puzzo delle fogne dove vivete) a recensire libri femministi per far diventare migliori i maschi che vi opprimono, o a vedervi su netflix la serie TV “grlpwr!” che immaginano scenari patriarcali che neanche vivete nella realtà o a dare per la 86472 volta la definizione di vero femminismo.
 
Saman Abbas… anzi… le VARIE Saman Abbas… le avete uccise anche voi femministe.
LORO volevano essere libere e sono state uccise.
VOI femministe siete libere, ma siete LO SCHIFO.
 
care femministe, SIETE MERDA.
 
simbolofeminazi_0
 

 
nota a parte:
 
si è vero: non tutti i musulmani sono così.
 
e lo dico perchè già lotto contro i luoghi comuni femministi vedesi “maschi tutti assassini / stupratori / colonialisti / oppressori / violenti / etc etc“.
…sarebbe ironico se IO mi ci mettesi a fare luoghi comuni a mia volta… (ben inteso che non essendo perfetto ne commetterò involontariamente alcuni)(no i miei luoghi comuni sul femminismo non sono errati)
 
ma siamo in una società perbenista di merda.
una società in cui se Balsdrubale Firiberti ammazza Fiorsbella Magurbinelli ALLORA il nome deve essere visibile e scavare nella sua vita è un dovere.
quando invece l’omicidio è perpetuato da un immigrato, ALLORA i titoli sono neutri e generici…
 
quindi…
mi spiace…
ma calcherò su questi elementi fino alla nausea.
 
colpa mia?
colpa dei musulmani?
degli immigrati?
 
no.
 
colpa di sti cazzo di perbenisti, moralisti ipocriti.
che altro non sono se tutti sinonimi di: femminist*.
 
eh!
…l’ironia.



un’intervista che rappresenta il femminismo.

mi è capitato di vedere l’intervista ad una vignettista francese che ha lavorato per Charlie Hebdo. la persona in questione è “Coco” ovvero Corinne Ray. Coco è una (o forse meglio dire LA) sopravvisuta alla strage del 2015 compiuta da due islamici religiosi di origine algerina.

il giorno della strage, Coco era fuori dall’edificio a fumarsi una sigaretta quando i 2 assassini islamici algerini, che conoscevano bene tutti i vari impegati nella rivista ed erano in attesa di qualcuno di loro (tanto per dire che non erano due truzzi psudo gangsta improvvisati killers) la presero con la forza e puntandole un mitragliatore addosso, le chiesero di inserire i codici per aprire la porta blindata della redazione.

Coco fece quanto chiesto.

…ed il resto è storia:
i 2 assassini islamici algerini uccisero una ventina di persone.

e Coco? beh… Coco si nascose e la scampò.

ad oggi Coco è famosa per essere sopravvissuta, ma lei questo “titolo” la infastidisce.
vorrebbe essere riconosciuta per le sue vignette “umoristiche”.

quando ho visto quest’intervista sono rimasto particolarmente colpito. inizialmente non avevo ben idea di cosa… ma c’era qualcosa… anzi… alcune cose che suonavano… “male”. e dopo un tot… ho trovato delle risposte.

Coco è una vittima.

quando ti arrivano degli algerini musulmani che vogliono ammazzare te e colleghi… sei vittima. vittima degli eventi come degli aguzzini islamici algerini. ma sei anche vittima del destino e relativi eventi che non si possono controllare.

e fin qui… ok…

ma poi… mi sono passate in mente 3 termini… che sono l’ipocrisia del femminismo, palesi dall’essere evidenti ma inculcate in tutti noi ad essere invisibili a tutti. almeno fin tanto una persona non incomincia a masticare amaro e DOVER capire cosa cazzo è ‘sto sapore demmerda.

ma partiamo dall’inizio.

Coco apre la porta perchè ha un mitragliatore puntato addosso. è il momento in cui si sceglie…
1) apro, vivrò qualche altro secondo e poi, molto probabile… creperemo tutti.
2) non apro e quasi sicuro ammazzano solo me… ma almeno gli altri… quasi certo potranno scappare.

è la scelta. 

una scelta che a volte tocca fare. una scelta a SOLE due vie:

  • A) mi sacrifico subito per la comunità, oppure
  • B) cerco di vivere qualche altro secondo… sperando magari di scamparla alla prima occasione… sacrificando gli altri?

beh… coco ha scelto l’opzione B. ha scelto di di aprire. HA SCELTO DI SALVARSI A DISCAPITO DI ALTRI.

e per sua fortuna (fortuna che è tanto puttana), coco vince la lotteria della vita e si salva.
…o per lo meno questo è il suo racconto, visto che i morti non possono testimoniare.
ma sia quel che sia… è interessante proprio questo processo di ragionamento.

sperare di scamparla. a costo di sacrificare gli altri.

Coco, la donna Coco, la femmina Coco… non sceglie il sacrificio. e questo è il primo punto interessante. Coco non si sacrifica. ed è un caso. un caso che si perde nel tempo.
ma pensandoci, le femmine… non scelgono mai il sacrificio per la comunità.

come dico sempre, femmine e femminismo lottano solo per quello che torna loro comodo.
in questo caso, c’è un retaggio di milioni di anni di evoluzione in cui le femmine sono da
sempre da preservare a tutti i costi per il proseguimento della specie.
il femminismo, quello che vuol vendersi come in lotta contro le imposizioni sociali
“PATRIARCALI”… (la donna in cucina – schiava, che deve vestire da femmina e fare cose da femmina…) ha mai detto un “basta! non siamo sacre, ci sacrifichiamo anche noi!!! lotteremo ed insegneremo alle ragazzine a sacrificarsi per il bene comune!!!!“? domanda retorica…

MAI detto. e MAI verrà detto.

e le femministe sono e saranno sempre attente a MAI FARE tanto.

PRETENDERE SEMPRE. dovere MAI.

Coco rappresenta perfettamente la femmina di questo femminismo. sono femmina, sono libera, combatto le imposizioni di genere del “patriarcato” cattivo. ma quando arriva la parità… e le femministe fiutano la parità anche in quelle cose dove non c’è guadagno ma c’è sofferenza ed anche morte… beh… a quel punto “GRAZIE MA ANCHE NO! dov’è la cavalleria? dove sono i maschi gentili e risoluti? sono una femmina“.

è la sacra dottrina femminista: pretendere, a non importa quale prezzo.

consegue come sia inconcepibile per una femmina, di valutare il sacrificio proprio, per “altri”. perchè il femminismo insegna alle scimmiette adepte cosa devono pensare… e che devono pretendere un guadagno. non perderci.
laddove il femminismo perderebbe un privilegio, qualsiasi ambito possa essere, fosse anche un qualcosa che contraddice la loro stessa filosofia… in quel caso ritorna l’evergreen di comodo: “sono femmina, debolina e poverina!!! maschi fate gli uomini e fatevi avanti!“.

eccosì ritorniamo alla povera Coco che, kalashnikov nella schiena… sceglie. sceglie che non è un uomo. un uomo a cui la società sovente chiede il sacrificio nei momenti peggiori…

eh si…

ed è tutta qui la storia.

perchè la storia è zeppa di maschietti che per un ideale nobile o “dovere per la società” (il dovere, sia politico, militare, sociale), si sacrificano sapendo di andare quasi sicuramente a morire.
dai liquidatori a chernobyl, ai pompieri nelle torri gemelle, a infiniti altri soccorritori (vedesi le strazianti ricostruzioni post mortem di colleghi che per salvare la vita ai compagni finiscono poi con il morire a loro volta, o anche peggio, soccorritori che per andare a salvare PERSONE [quindi si, maschi che per salvare altri maschi come altre FEMMINE] poi ci lasciano le penne) di qualsiasi tipo nei peggio posti… che hanno fatto la loro scelta.

LA scelta finale: SACRIFICARSI per chi è in pericolo o rischia la vita.

ecco… tutto questo, per il femminismo, non è minimamente concepibile.
come non lo è per le femmina.
non è opzione innata come non è opzione razionale come non è opzione emozionale, come non lo è a livello istintivo… il sacrificio per gli altri, per una femmina, non è opzione. non esiste del tutto.

è vero che eventualmente un qualcosa di simile avviene in caso di maternità… ma a vederla in maniera cruda… alla fine è un atto per preservare LA PROPRIA continuità, il proprio io tramite un’altra vita… “preservare una parte di me in una nuova vita“. facendo un crudo ridurre: io femmina, per me. io di adesso… per me di domani.

tornando a Coco…

la ragazza Coco rappresenta in maniera devastante la verità della verità:

  • i maschi si sacrificano e sono pretesi al sacrificio.
  • le femmine pretendono dai maschi e per loro stesse, il sacrificio. in maniera incondizionata.

è una regola sociale non scritta… ma ben DOVUTA.
una regola, si potrebbe dire, patriarcale… e stranamente un qualcosa che ai radar femministi non è mai interessato.

il femminismo ha da combattere il patriarcato ed il machismo tossico… ha da combattere per tutte quelle guerre dove c’è da guadagnare… ma la battaglia “maschi che si sacrificano per le femmine” non è un problema di genere, non è MAI stata una guerra femminista. quello no.

perchè torna comodo… ed ovviamente a parti inverse… SIA MAI! anche qui non è un problema di genere. una lei che deve sporcarsi le mani o fare una dura scelta è assolutamente giustificata dal non compiere gesti simili a quelli che dovrebbe fare un maschietto. tanto per dire… forse pochi si ricordano i filmati della Costa Concordia… filmati che furono fatti sparire velocemente dalla rete. e come mai? beh… i maschi che dalla nave concordia salirono a bordo delle scialuppe vennero quasi linciati dalle femmine (ricerca veloce =  http://www.lesignoredeimari.it/zznews01241.htm + https://www.vanityfair.it/news/italia/2012/01/16/costa-concordia-giglio-naufragio-birkenhead-prima-donne-bambini )(i filmati su YT belli che spariti). una normale crudezza della verità della vita. le femmine si vestono d’ipocrisie per cui “mondo patriarcale” ma quando si trovano a dover pagare il prezzo di un dover essere uguali ai maschi… saltano fuori scusanti e scene ipocrite da vomitare. ad inizio 2000 un battello in canada finì per affondare e le stesse scene viste sulla concordia, saltarono fuori alla stessa maniera. dal titanic ad oggi, alla fine non è cambiato NULLA… femminismo è parità dove torna comodo, ma quando c’è da resistere o al peggio mangiare merda… allora no… anche le femministe più hardcore (maski oppressori privvvvileggggiatiiiiih) si riscoprono ciccine poverine deboline.

ma GUARDACASO EH!

come si dice in caso di crisi? “prima le donne!e POI passato qualche istante…..…e i bambini.

e nessuna femminista scende per le strade per lottare contro questo patriarcato.

se a quella porta Coco fosse stato un uomo, un uomo che avesse aperto la porta e poi fosse sorpavvissuto… il disprezzo a cui questo uomo avrebbe dovuto far fronte… neanche me lo voglio immaginare.

e neanche me lo immagino il mare di merda nel caso in cui un lui avesse aperto ed ad essere mitragliate fossero quindi state le donne in redazione. indiscutibilmente maski privilegggiati e pure deboli… ma soprattutto FEMMINICITIOOOH emergenzaaah!!!!

…invece Coco è una femmina…
apre? è scusata!
non si sacrifica? giustifichiamola!
muoiono tutti per il suo gesto e lei sopravvive? eroica! facciamocene un film in cui
analizziamo gli orrori con cui deve convivere! non ciutikatelaaah! era in debressione bosd barduuuhm!!!! è lei la vittimaaaaah!!!!

eh si.

accade l’evento, la femmina è vittima.

e qui si passa al punto successivo: il “vittima“….  il santo gral femminista.

…che è verissimo, intendiamoci.

ti arrivano dei musulmani assassini che stanno fremendo per ammazzare, come puoi non essere vittima? sei vittima della cattiveria dei religiosi musulmani, di un sistema che ha prodotto questi assassini musulmani. sei vittima della casualità della vita. 

ma in quanto femmina, questo titolo di vittima, è doppiamente a volore:
le hanno puntato un arma! cosa poteva fare lei che è una femmina?!?!?!?
vittima del patriarcato violento oppressore!!!! vittima dei maschi assassiniiiih!!!! (però
dei maschi che ha mandato a morire… beh, il patriarcato oppressore in quel caso diviene inesistente)

è il principale business femminista, è la realtà unica femminista: vittimizzarsi.

e prego ricordare… vittima è una che ha scelto di NON sacrificarsi e condannare quindi a morte tutti i colleghi. e lo è nella più totale purezza del termine.

solo io qui, mi permetto di analizzare il tutto (ben conscio di quanto odio queste parole causeranno)

fossimo su netflix, Coco avrebbe reagito ed atterrato i due assassini islamici algerini e avrebbe fatto capire loro quanto sbagliata la loro vita fosse, quanto erano vittime del patriarcato, come erano loro le vere VITTIME. vittime sicuramente dei maschi bianchi colonialisti che li hanno sfruttati indirettamente, portandoli loro malgrado a queste azioni tipiche maschili patriarcali volute dal regime maschilista che non ha mai fatto altro se non uccidere. ma quella è la storiella che le scimmiette ritardate femminista si raccontano per darsi una spiegazione.

la realtà è che il male è più semplice da percorrere.

non a caso lo è anche il femminismo… è più facile lasciarsi trascinare nelle boiate femministe, luoghi comuni costruiti dalle stesse femministe… che non ragionare con logica, razionalità, analizzare eventi in maniera fredda, analitica, distaccata, apatica.
è più facile dire “femminismo” ed inserire qualsiasi storiella per motivarsi che non guardarsi allo specchio e riconoscere una montagna di pretese, inettitudini umane, in una società che ti culla ad un prezzo irrisorio.

ed infine… tornando a Coco… si arriva all’ultimo punto.


la femmina che ha scelto di non sacrificarsi per gli altri… perchè è una scelta che non esiste nel mondo femminile.
la femmina che è vittima. perchè è il business femminile e femminista da sempre e per sempre.

beh… per il terzo punto… arriva… rullo di tamburi…

ora BISOGNA aiutarla“.

è il terzo passo.

classico metodo di procedura femminista e femminile: “chiagni e fotti”

1) non mi sacrifico perchè sono femmina.
2) non mi sono sacrificata… MA sono vittima (anche se carnefice… ho mandato a morire una dozzina di uomini ma IO sono vittima del fantomatico sistema patriarcale, mentre il mio agire ha causato la trucidazione dei miei colleghi maschi)
3) “DOVETE” aiutarmi. (il dovete è sempre sotto inteso direttamente)

eh si.
come per le femministe che vomitano merda sui maschi, ma poi pretendono aiuti economici e politici (aiuti economici creati anche dai soldi dei maschi)(in questo caso i soldi dei maschi oppressori patriarcali sono accettabili)… anche qui… salta fuori la differenza tra i due mondi, maschile e femminile.
per i maschi, dopo la tragedia… la società sentenzia sempre un bel apatico “che sfortuna! beh, arrangiati” mentre per le femmine, dopo la tragedia… è impensabile per la società, sentenziare un “arrangiati“. è un’offesa anche solo pensarla quest’opzione. ed anche qui, di femministe che scendono in piazza contro quest’attitudine patriarcale… ZERO.

alle femmine, la società deve dare od offire mille aiuti. che poi, per ipocrisia, devono essere rivenduti con altri termini perchè le scimmiette femministe si sentono offese quando si trovano a dover rispondere della realtà:

  • non è un aiuto, è una quota rosa.
  • non è un’ingiustizia questo rubare, è un livellare contro il patriarcato.
  • non sono facilitata da aiuti e leggi, sono gli standard che sono adattati per i livelli femminili.
  • non sono eletta con una legge femminista che impone femmine anche se il popolo non le vota minimamente… ma con una legge femminista costruita ad HOC, per ogni maschio eletto metteremo a forza una femmina e gabola risolta! anche se questa nessuno ha votato. ehy, questa è la parità femminista. (che poi ironia: femmine che non sono elette neanche dalle femmine stesse… che in italia sono più dei maschi eh). per cui sono eletta con il trucco e riconosciuta con le mie leggi femministe, come figura politica… ed a questo punto dico che vivo in un paese patriarcale! le femmine hanno i loro diritti abusati dai maskiiii!

ora, ad onor di cronaca… Coco non chiede DIRETTAMENTE aiuto economico… ma:
1) non gradisce l’essere etichettata come quella che l’ha scampata al massacro, perpetuato dai 2 assassini islamici algerini. ed in un certo senso ha ragione. ha solamente aperto VOLONTARIAMENTE la porta blindata ai killer islamici, dando indirettamente via ad un massacro…
2) vorrebbe essere apprezzata per i disegni che crea… ma ironia è che gli altri disegnatori satirici, o musicisti, o scrittori… fanno gavetta e forse manco diventano famosi… ma lei è femmina e bisogna apprezzarla perchè altrimenti si è oppressori patriarcali.

le sue scelte, le scelte delle femmine, sono tutte scusate.
quelle dei maschi sono tutte ignobili a prescindere.

Coco… ha dato il via ad un massacro, ad una mattanza… ma è lei la vittima.

beh… cheddire…

ecco come il femminismo è alla ricerca della parità.

voi maschi di merda siete utili solo come carne da cannone, come bancomat, come schiavi. e per questo, siete privilegiati, vivete come figli di boss mafiosi nell’agio. siete oppressori. 

e finito questo giro… c’è solo da aspettare. 

alla prossima…

…dove non importa cosa o come, ma saranno le femministe a ri utilizzare questi canonici 3 punti: non mi sacrifico perchè sono femmina, sono vittima perchè esistono i maschi, aiutatemi.

ecco come io femminista sono EMANCIPATA.

femminismo:

  • volere il potere idealizzato maschile quando torna comodo.
  • mantenere i propri privilegi femminili.
  • rispondere con la responsabilità che manco i bambini usano.

sono femminista e l’occidente è il mio parco giochi. sono la principessina viziata ipocrita che detta la legge secondo le mie comodità. e voi farete quello che diremo noi.

nazfem_lq

muti e serviteci.