recensioni film: “Promising Young Woman” e “gone girl”.

originariamente volevo scrivere di questo recente film femminista, “Promising Young Woman“. ma qualcosa poi si è messo di mezzo… e questo qualcosa è l’aver ricordato un film uscito qualche tempo fa: Gone Girl del 2014.

due film che non hanno (praticamente) nulla in comune. tranne… tranne un piccolo elemento:

la protagonista.

e la protagonista è vittima. solo che una è vittima e l’altra… è “vittima”.
non ci si capisce nulla?
un classico, nel femminismo.

ma partiamo per gradi.

…le recensioni:

Promising Young Woman (2020)
https://it.wikipedia.org/wiki/Una_donna_promettente

è un bel film? si.

vale la pena di vederlo: si.
vale la pena di vederlo come persona MGTOW / RedPill: si.
piuttosto strano, detto da me, ma ora e QUI… il giudizio sarà solo puramente legato al film. POI e DOPO ci saranno altre considerazioni. ma prima meglio fare 4 pensieri sul film… la recensione appunto.
quindi…
bel film, no?
e per caso… è un capolavoro?
non è un capolavoro. si lascia vedere (raro di questi tempi) e ha qualche momento pastoso da romanzetto harmony, voluto, ma comunque pastoso. tranne questi momenti da pornografia femminile… il film scorre, catturando l’attenzione per gli sviluppi nella storia.
qualitativamente, il pacchetto offerto è di qualità. si vede che il film aveva un certo budget, non era girato da un gruppo di persone uscite dal nulla, 0 esperienza, con 4 soldi e materiale trovato nel negozio video sotto casa.
anche la storia stessa è stata ben realizzata, nonostante certi momenti volutamente per dare il contentino godurioso al pubblico femminile, la storia funziona… il film viaggia bene.
attori? li ho sempre considerati delle mere estensioni della storia e del regista. se questi 2 ultimi elementi fanno pena, nel film può esserci un attore multi oscar, ma non uscirà quasi sicuramente nulla di buono. in questo caso… i vari attori fanno le loro parti e anche se non danno nulla, almeno non fanno danni. sono credibili nei limiti stesso del film. non sono da ricordare, sono utili al film.
a chiudere, c’è anche un uso della colonna sonora che lavora nei momenti giusti. nulla di epico ma completa il film e le scene giuste.

…e fin quando si guarda il film, fin tanto si vive il film ed una volta finito si procede oltre, il giudizio è questo. è un bel film, merita la visione.

***************************

Gone Girl (L’amore bugiardo) – (2014)
https://it.wikipedia.org/wiki/L’amore_bugiardo_-_Gone_Girl

è un bel film? “si”.

vale la pena di vederlo: si.
vale la pena di vederlo come persona MGTOW / RedPill: si.
è un film capolavoro? forse no.
è un film decisamente insolito. e questo deriva dalla trama, prima “misteriosa” (direi tipicamente investigativo/giallo) ed a seguire, talmente sfacciata e deviata… da catturare l’attenzione per i suoi oltre 2h emmezza di film stesso.
che filano via senza ostacoli.
qualità? girato in maniera hollywoodiana, quindi con mezzi e cast di alto livello, il film offre una storia che attira subito la curiosità. seguono gli sviluppi che non perdono colpi, e si rimane rapiti da un vortice di eventi sempre più negativi… fino ad un finale talmente spudorato e… irrealisticamente eccessivo, da sembrare perfettamente realistico.

disturbante nella sua fantasia realistica.

ok.

ora…

…ci sono due film, ben fatti con 2 storie completamente diverse.
tranne per una cosa. la protagonista.

nel primo film, lei è la vittima. ma è anche la predatrice.
nel secondo film, lei è la vittima. ma è anche la predatrice.

qualche persona non femminista, in questo momento in lettura, dovrebbe aver intuito. eh si, esatto.
ma spieghiamo…
Promising Young Woman è un manifesto femminista.
Gone Girl (L’amore bugiardo) (scritto da una donna) è… una fantasia che è sfuggita di mano… un sogno che nella “provocazione” è diventata un’indicazione fastidiosa.

Promising Young Woman è propaganda femminista, divulgazione dell’assolutismo religioso femminista.
questo film non si chiude con la fine del film stesso… ma inzia una volta finito.
eh si… il film inizia quando finisce.
assurdo?
assolutamente no.

il film è un polpettone di tutti i maggiori concetti femministi canonici, quelli divulgati a bombardamento continuo nei vari media, moralismi a manifesto ormai imposti ed assorbiti dalla politica e dai media stessi.
l’accusato?
TUTTI i maschi.
o meglio, il maschio bianco.

guardi il film di quasi 2h… ed assisti all’elenco canonico di tutte le accuse femministe rivolte ai maschi E ad un elenco scarno di cosa i maschi dovrebbero fare per non essere degli schifosi maschi.

è un plotone di esecuzione plateale contro il maschio, una pubblicità dell’eterna ed unica visione vittimistica femminista. uno show di concetti femministi, messi insieme per demonizzare i maschi e rendere perennemente vittime le femmine, che ovviamente sono SEMPRE innocenti… innocenti perchè femmine!
perenni vittime, perenni innocenti e quindi perennemente buone ma… sfruttare dai perenni malvagi maschi.

ed una volta visto il film, con questa chiave di lettura, che è l’unica, si può meglio rimanere allibiti dal lavoro di fino per usare ogni scena per portare avanti la propaganda femminista.

ogni scena è visione femminista. qualsiasi scena è un concetto femminista. stupro e violenza, relazioni, studio, lavoro, catcalling, abusi, predatori, maschi, scusanti.
pensate ch’io abbia riassunto tutto il film con questa sequenza di parole?
no.
solo i primi 20 min circa.

ed in questa visione femminista, questa sorta di highlights della religione femminista… anche l’amore (inteso come relazione di passioni tra 2 persone che si avvicinano) paga pedaggio al femminismo: l’illusione dell’amore… beh… la distruzione è inevitabile.

perchè ci sono i maschi.

ma cara mia… non vedi che quel maschio bianco “ti ha fatto credere” e tu ci sei cascata?

ogni maschio è un predatore.

l’unica opzione che segue a questa visione è: ma quel maschio… è un predatore pentito, ora bravo a stare al suo posto e servire, oppure è un puro, feroce e violento predatore?
ah no, c’è una terza opzione, che si avvicina allo spoiler: è un predatore che si veste da agnellino e si vende come non predatore?

e lei? beh, in entrambi i film… la protagonista punisce.

e questo elemento è interessante…

PUNIRE.
ricorda qualcosa?
tipo chessò… FEMMINISMO?

wops!

la protagonista punisce i maschi.
la sua vita è punire.
ed è l’unica cosa che funziona… nella sua vita.

punire è la motivazione della protagonista, ormai persa e distrutta nel suo vittimizzarsi.
e quando l’amore la distrugge, solo la voglia di punire la rimette in piedi.
PUNIRE, la linfa vitale del femminismo.

dite di no?
ah…

ma cosa ha fatto il femminismo ad oggi?
cosa ha prodotto?
quali scoperte ha dato al mondo?

NULLA.

il femminismo ha solo portato accuse, vendette, appropriazione parassitaria, vendetta attraverso la punizione mediatica.

ed a questo punto… o sei una scimmietta femminista ed allora la tua vita è motivata attraverso la vendetta da ricercare attraverso il babau, il maschio bianco…
…oppure sei uno che vede la ferocia femminista e realizzi che il film inizia alla sua fine.

è propaganda per divulgare femminismo come con un megafono, concetti patetici in urla isteriche di 4 gattare depresse e schizzate.

“ma gli stupri esistonoooh!!!”
vero.
ma uno stupro, cento stupri, mille stupri… sono uno stupro, cento stupri, mille stupri.
…ed il film è un film.

chi vede questo film da NONfemminista, vede una storia drammatica.
chi vede questo film da femminista, vede la storia. drammatica.

…ci siamo capiti?

ora…

messa questa verità da parte… Gone Girl (L’amore bugiardo) diventa FOTTUTAMENTE scomodo, specialmente in comparazione. scomodo alle femministe.

se Promising Young Woman inizia quando “il film finisce” per via della propaganda femminista che a quel punto parte a cannone… “ekko i maschi son tutti assassini stupratori”… con Gone Girl (L’amore bugiardo) si assiste all’opposto sempre del femminismo: il femminismo entra a cannone e “nooooh è solo un kasooooh!!! non ceneralizzateeeh

avete presente quando si legge di notizie VERE tipo “madre ammazza figli” sui quotidiani nei trafiletti?
qual’è la risposta femminista?
è un caso! depressione post partum! era sola! era povera! era oppressa dalla famiglia! era ricca! era pazza! era colpa di lui che c’era obbressoreeeh, no era colpa di lui che non c’era e lei era solaaah. sicuramente lui era violento. no, patriarcato“.

scusanti.
minimizzare.
negare.

con il film Gone Girl (L’amore bugiardo) succede proprio questo, l’esatto opposto di Promising Young Woman.

ed è molto comico.

il classico vittimismo femminista SCUSANTE.
quello per cui… maschi violenti e femmine vittime. femmine vittime anche se “reagiscono” (anche ammazzando) sono COMUNQUE vittime.
la scusante eterna femminista per le femmine.

un qualcosa che ormai neanche si nota più talmente il femminismo è riuscito ad imporlo nel DNA di tutti.

in entrambi i film, le femmine si comportano in maniere illegali ma il giudizio dello spettatore è perennemente a difesa della femmina.
delle femmine.

la femmina è innocente anche quando carnefice.
se la femmina è carnefice, c’è un motivo.
il motivo non importa, è scusata.
è scusata perchè è femmina che ha subito.
e cosa ha subito non importa.
quindi la femmina è scusata se carnefice e se carnerice quindi è innocente.

tradotto ancora di più:
femminismo.

ma questa volta voglio chiudere positivamente.

e questa nota viene data proprio da Gone Girl (L’amore bugiardo).
il film sembra quasi più un velato avvertimento.
incredibilmente anti femminista…
…un antenato RedPill o MGTOW… un prodotto che mostra indirettamente quanto il femminismo impone:
* le femmine sono quelle che risolvono, i maschi sono quelli che creano problemi.
* le femmine sono intelligenti, i maschi deficenti.
* le femmine agiscono, i maschi pensano solo a sborrare.
* le femmine vincono, i maschi perdono.

no, questo non è il messaggio positivo…
questo è quello che il film mostra.
ma quanto mostra… porta al messaggio.
qual’è il messaggio?

…come nei finali dei film, con il protagonista che capisce la situazione alla fine… allo stesso modo viene veicolato il messaggio al maschio spettatore:

SVEGLIATI.

RAGIONA.

perchè una volta che arriva il femminismo, o chi per lui come prodotto… tu maschietto, chiudi con la vita e diventi un mero bancomat o schiavetto.

un pupazzo.

…SE HAI FORTUNA.

…la società, la nostra società, ha dato accesso al femminismo ad ogni livello ed ora le contraddizione sessiste create dal femminismo si sprecano e SONO REALI.

con milioni di maschi che cadono dal pero ed ancora peggio, sono credenti illusi dal femminismo perchè ancora non si sono scottati.

ed il femminismo ne è perfettamente conscio.

assistete a questi film.

…poi…
…e poi realizzate che assistete alla vostra vita diretta dal femminismo.
fin tanto la società permetterà questo teatrino.
…perchè domani, alla prossima pandemia o crisi, le femministe saranno tutte in cucina o sul divano con i gatti in depressione.

il primo film è esaltzione dell’ideologia femminista. è la realizzazione della propaganda attraverso un film. conferma che i maschi, tutti i maschi, sono schifosi maschi e non vi è altro se non accettare il femminismo.
il nuovo rostro femminista.
uno dei tanti arieti usati dal femminismo per fare propaganda.
il moralismo femminista è legge, è credo.
è dittatura.
che, di fatti, come tutte le dittature… nega di essere una dittatura. e come tutte le dittature agisce di propaganda: “il femminismo è LA positiva realtà di aiuto alle persone”.

il secondo film è l’avviso.

l’avviso di cosa è un uomo odierno e cosa è una donna.
non grida (direttamente o indirettamente”) “ehy! sono tutte così“.

offre… una parabola.
mette in guardia:

svegliati.

SVEGLIATI.

 

pb