un ban, un pensiero, un femminismo.

e con oggi (ieri) mi son guadagnato l’ennesimo ban da facebook 😀

questa volta… rullo di tamburi… 30 giorni!
7 giorni x4.285.

…il x4.285 sono le recidività regresse. insomma hanno arrotondato creativamente per punizione 😀

LOL.

tipo come nelle carceri americane, dove chi la commette (anzi, la RI commette) il crimine POI si ritrova la nuova pena maggiorata 😀

ma lol 😀

è una faccenda talmente ilare che il ban è anche divertente.

cosa ho scritto?
se mai cosa NON ho scritto…
un articolo. o un avverbio. o un’aggettivo. o un pronome.

le donne sono pazze” e non “troppe donne sono pazze
c’è differenza…
giustamente.
sempre che un pronome interessi alla gestapo assolutista femminista… XD

quindi ban.
giustamente.

ma la cosa mi ha fatto pensare…

anigif_enhanced-28858-1441134216-2

no, non sul fatto che “c’è fiolenzaaaah di linquaccioooohh!!! obbresshione badriargaleeeh” e le solite isterie femministe.
nah…
qualche pensiero “di contorno”… sulla situazione…

il primo pensiero? le regole.

facebook è una piattaforma “social” di un’azienda privata.
il suo interesse? i profitti.
MA essendo LA piattaforma social, cioè il social network più usato/diffuso in occidente, deve seguire un minimo di regole sociali.
regole sociali… occidentali.
…e chi è a capo di queste regole sociali?
il patriarcato?????
ma certamentissimoooooh!!!!
…difatti il mio ban è per aver scritto “tutti i maschi sono privilegiati, pezzi di merda, oppressori, assassini, stupratori, violenti, colonialisti

…ah, la mia sempreverde ironia…

è evidente che le regole sono puramente femministe in facebook.
si perchè il mio perenne scrivere “tutti i maschi sono privilegiati, pezzi di merda, oppressori, assassini, stupratori, violenti, colonialisti” che scrivo PERENNEMENTE SEMPRE IN OGNI DOVE, NON MI HA MAI, CAZZO MAI, CAUSATO UN BAN IN QUESTI ANNI… mentre il recente “le donne sono pazze” è stato da ban immediato (circa 25 min).
scrivo merda provocatoria sui maschi: un cazzo di nulla come punizione. scrivo una stessa provocazione a parti opposte (es: “femmine tutte zoccole”) ban in meno di mezz’ora.

e viviamo nel patriarcato?
AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA.

è l’arte femminista:
ottieni.
non è che crei.
ottieni. parassitariamente.
si perchè facebook non è stato creato dalle femministe.
ma da tempo, facebook segue le direttive femministe.
come 1000 altre realtà non create dal femminismo… MA obbligate dal femminismo a seguire i dettami femministi stessi. ripeto: OBBLIGATE.

eggià.

e nota: non è che sono andato nel sito facebookfeminist.com a scrivere peste e corna. non sono andato nel loro piccolo orticello (quindi praticamente tutto il pianeta) a sparare ste uscite, così per divertimento. nope. ero in un gruppo tipo “political scorrect trollling yeha”. ma anche qui, le femministe devono imporre la loro religione assolutista.

una volta avrei detto:
facebook è una piattaforma “social” di un’azienda privata. il suo interesse sono i profitti. essendo LA piattaforma social, cioè il social network più usato/diffuso in occidente, deve seguire un minimo di regole sociali. regole sociali occidentali.
LE REGOLE LE CREA FACEBOOK E SONO INSINDACABILI.
…che è vero, in un certo senso.
così come sono vere le dichiarazioni femministe. IN UN CERTO SENSO. si perchè appena s’inizia un ragionamento razionale, mettendo in un angolo la canonica isteria femminista, quel mixtum di ansie, depressioni, collera e nevrosi… e si inizia a smontare in modalità analitica e razionale… non torna veramente più un beneamato cazzo di nulla. l’ipocrisia regna… la contraddizione è la base del femminismo, il dna.

e così si arriva ad oggi per cui scrivi “maschi merda” (o qualcosa di simile) e via di risate (vedesi quando viene ammazzato un uomo: tutti i commenti di divertimento a gioia, femminili e femministi… e nessun ban. ma se un maschietto scrive qualcosa di simile per una lei ammazzata……… meglio aspettare alla porta i caramba.

quindi… LE REGOLE LE FANNO QUELLI DI FACEBOOK E SONO INSINDACABILI… ma anche no.
probabile era così inizialmente (caro utente, non insultare, non essere razzista, non mettere roba porno etc etc altrimenti ban) ma ad oggi… cioè, ad “ieri”, con l’arrivo del femminismo… “maschi merda” è no problem. poi scrivi la stessa cosa con generi cambiati: ban.
LOL.
…eh ma è il femminismo vuole la parità dei sessi!!!! si certo… 

al solito… il femminismo si dimostra per quello che è: PRETENDI ED OTTIENI LE REGOLE >TUE<. FEMMINISTE.

E LE IMPONI.

MA non regole eque.

no, quelle… con il cazzo che le applichi. con il cazzo del patriarcato, tipo.
al solito: femminismo è crearsi regole a misura. ad hoc. a favore. 

e poi dire “eh ma vogliamo uguaglianza”.

sicuramente i cretini che abboccano a queste storielle femministe, li trovano. o se non cretini, allora quelli tanto idealisti da accettare le contraddizioni infinite femministe “pur di” questo o quel motivo.

uomini merda? nessun problema. donne merda? ban! così come quote rosa in politica o a lavoro e tutto il resto. a favore si, a sfavore “noooooh ci obbrimenteeeeh” (vedesi i recenti casi di 4 sbroccate che si sono viste portare via i figli al divorzio e subito le scimmie femministe ad urlare “fiolenza patriarcaleeeeh“)(quando poi nei divorzi nella quasi totalità dei casi vede i figli  assegnati alle madri)

OTTIENI LE REGOLE TUE E LE IMPONI.
non regole eque.
regole a misura.
uomini merda? nessun problema. donne merda? ban.

ora…

visto quanto…
…segue il successivo pensiero a contorno.

se “tutti i maschi sono privilegiati, pezzi di merda, oppressori, assassini, stupratori, violenti, colonialisti” ed è ok per facebook, MA… se cambio il genere è ban istantaneo… qual’è la conseguenza si sviluppa?
beh… la prima è quella in uso… ovvero l’evoluzione della parola che si adatta al divieto.
ovvero… è da ban scrivere troia? …ed allora si scrive “t r0 14” 😀
i bot di controllo facebook… non leggono la parola… ed il concetto passa.
anzi, passava…
…si perchè le femministe che sono sempre sul pezzo quando fiutano la sgamata… accade che si vogliano istruire i bot di “controllo” (ovvero “robot” o “intelligenze artificiali”) a monitorare una serie di parole o composti (ovvero lettere, numeri, simboli, immagini) che possano creare la parola vietata di turno.

è come chiudere una porta alla volta sul titanic mentre affonda.
…avvistato l’iceberg… si è cambiata rotta? no! sei il femminismo! è il mondo che si deve spostare!!!
ed una volta colpito l’iceberg… ci si preoccupa di chiudere le porte dove si vede entrare l’acqua.
…quando poi l’acqua entra a quantità drammatiche da ogni dove.
“genialmente femminista”.

è la conferma della perenne inettitudine femminista.
vedere il taglietto ma non vedere l’arto strappato.

quindi:

vieti le parole composte quali “t r0 14″…
e cosa accade? (perchè è già in uso, per chi vivesse su marte)
…succede che l’ironia parte a cannone.

eccosì ecco che s’inizia a sfottere con terminologie virgolettate che sono regolamentari ma nelle virgolette prendono l’aria dello sfottò. “sei intelligentissima“. “sei bravissima“. “sei così capace e di successo“. “i tuoi genitori devono essere proprio felici dei tuoi incredibilissimi successi intellettuali“. “il mondo è così fortunato nel poter ammirare le tue prodi pensate“.
ironia pesante che non puoi fermare. e per quanto mi riguarda… sono di un peso molto maggiore rispetto al canonico (ed ormai ammortizzato) insulto… stronza/baldracca/blah blah blah. perchè l’insulto… etichetta negativamente. ma finisce lì. l’ironia invece… infidamente crea un’aura. “sei intelligentissima” porta subito all’intendere che sei cretina come la merda.

e a questo punto? che famo? banniamo… cosa? tutto? finiamo ad esprimerci con il nulla perchè già si usano gli asterischi a sfottò. si gli asterischi femministi inclusivi blah blah… sono belli che usati ad oggi per ironizzare. “oh ma mia cara ha ragionissim* l*i è cos* int*lligen*e che d*vrebb% es$ere a cçp0 del g*vern*!!!!”

siamo alle solite.
la nave affonda e si mettono pezze… inutili.

il problema rimane, le soluzioni escogitate si dimostrano SEMPRE da incompetenti. si perchè il femminismo dimostra tutta la completa incapacità mentale ed umana nella pratica. 
il femminismo banna l’insulto ma è come nascondere la polvere sotto il tappeto…
…non è che si mette a ragionare sul perchè si crea l’insulto e cerca di risolvere dalla partenza, dal problema, per evitare le conseguenze.
o per lo meno… magari qualcuna ci prova: le più eccelse menti femministe ragionano una primitiva analisi… MA essendo inabili cerebralmente in quanto femministe… il pensiero profondo loro proprio, crea il ragionamento infantile da rincoglionite quali sono: “questo problema si crea perchè maschio merda violento“. e quanto pensato è il frutto delle più illuminate.
pensate a quelle più idiote, che sono tipo il grosso della gang (ah scusate, spero di non offendere nessuno se uso GROSSO prossimo a femminismo… non vorrei che qualcun* si sentisse presa in giro per i kg in eccesso)

per l’appunto, siamo alle solite: inettitudine femminista.

vogliamo farci “una risata”?
HOE.
di recente è un termine che è diventato famoso per dei problemi…
in america HOE significa zappa… “a hoe to dig”. solo che… “ho / hoes” è anche un termine slang… che significa “una che ha una lista infinita di rapporti sessuali“. totalmente spreggiativo.
…risultato? alcuni negozi di giardinaggio anglosassoni, su facebook (ma sospetto anche su twitter), sono finiti e continuano a finire bannati da facebook per sessismo, odio, bullismo.

sarebbe comica se non fosse che qualcuno ha un danno economico.

Facepalm

beh, facebook ha detto che stanno modificando gli algoritmi dei bot che cercano il sessimo misoggggino.
intanto, cari giardinieri, godetevi il ban.

e domani, al posto dei giardinieri ci sarà qualche altro sfigato.
magari un giorno sarà un termine… chessò… della polizia? magari “poliziotta” diventerà dispreggiativo… (dopo i fatti di genova con le molotov inventate, i pestaggi modello sud america ed il resto… ciaone forze dell’ordine)
…ed allora sarà divertente… un utente X che per ringraziare la poliziotta Z per l’aiuto… si ritrova bannato.
LOL.

ed allora che altra pezza verrà inventata?

eeeeeeh… le contraddizioni femministe…
sempre piacevoli.
come la loro inettitudine umana.

ora, terzo punto.
e qui, andiamo nel vero tragico.

siamo in america.
un ex soldato americano è davanti ad una webcam.
ha scoperto che parlare dei suoi problemi lo aiuta un minimo.
parla dei suoi PTSD, essendo stato stanziato in teatri di guerra… soffre le ferite allo spirtio, al suo io. quelle fisiche le ha curate l’ospedale… quelle della mente… beh… con il femminismo che “tutti i maschi sono privilegiati, pezzi di merda, oppressori, assassini, stupratori, violenti, colonialisti” l’aiuto al suo essere, non funziona proprio benissimo… MA GUARDA IL CASO EH!

insomma, questo sedersi davanti alla webcam, è una sorta di seduta psicologica. senza psicologic*.
e questo lo porta ad avere seguito…
di altri come lui…
di amici…
anche di genitori e parenti…
anche perchè questo, lo streaming su facebook, è facilitato. connesso in maniera facilitata! tra amici e non.
tutti facilitati al legarsi.

…MA…

un giorno, l’ex soldato, apre la consueta diretta video… ed annuncia il suo suicidio a fine live.

praticamente tutti all’istante, chiamano la polizia. e questa interviene…
ma la diretta video continua. inesorabile.
ed una volta chiamata la polizia, gli spettatori cercano di contattare facebook.
TERMINATE SUBITO LA DIRETTA! ANNUNCIATO SUICIDIO!!!

lotta contro il tempo:

quando arriva la polizia?
sfondate la porta e fermatelo!
muovetevi!
interrompete la diretta!

l’ex soldato, intanto, parla.
parla….
e parla.

poi prende il fucile.
e si spara.

e visto che siamo nell’orrore, l’orrore non ha mai fine:
il colpo attira la figlia, che entra a vedere che cavolo è stato quel botto.
solo che trova il padre…
…come uno che si è sparato in faccia.
e no… la figlia vedendo quanto… non l’ha presa proprio bene, per chi se lo domandasse…

…ah si.
arriva anche la polizia.
poco dopo.

quindi… finita qui?
no cazzo! si parla di facebook!!!

il video rimane online per ORE su facebook.
nessuno di facebook lo rimuove PER ORE.
non solo i parenti si sono visti in diretta il suicidio, ma la live rimane in streaming… e incomincia ad essere visionata da tutti tramite passaparola perchè l’orrore, il “gore” attira sempre.
poi vabbè… il video dilaga. tiktok, youtube e tutti gli altri a conseguenza… il video finisce ovunque. anche “per scherzo”.

ora… lasciatemi apprezzare l’ironia: non è la prima volta che facebook permette questo…

si, vero: facebook non ha spinto al suicidio… ok. solo che non ha agito CELERMENTE per una situazione simile.

che è VERAMENTE IMPORTANTE.

non potevano fare in tempo?
beh… una bella scusante… ma la realtà è che facebook ha una storia di sangue VERO, molto lunga.
negli anni passati, facebook era “piena” di questi orrori… gruppi che mostravano il peggio. suicidi, omicidi, violenze. e temo lo sia ancora…

e per chi non c’ha mai messo naso… non avete idea di quanta merda giri con morte e sadismo, online.
non avete idea.
veramente non avete idea.

si arriva quindi all’ironia.
per questo schifo… per questo orrore VERO… facebook… ha delle forze di contrasto e di lotta molto relative.

il soldato che si suicida in diretta è l’ultimo dei tanti.
la lista è lunga ed è allucinante.
suicidi, omicidi, sadismi… tutti finiti in dirette facebook. e nelle bacheche “fotografie”.

facebook è tanto attenta a bannare 4 mocciosi che scrivono puttana ad una foca ritardata che a fatica riesce a trovare la laurea jender studdis nel nesquik… ma per intervenire ad interrompere un suicidio… “beh.. vediamo… forse… dobbiamo valutare… cioè, aspettate… ci informiamo… magari facciamo un brainstorming con il core dopo l’happyhour“.
o anche peggio: facebook che permetteva (e temo permetta tutt’ora) ai gruppi degli islamici, di mettere online e quindi in sharing, decapitazioni, squartamenti, esecuzioni. e se non ci sono loro, trovano spazio i vari cartelli della droga centro/sud americana.
o altri sociopatici che pubblicano robe allucinanti.

e tutti questi… prima di avere un ban, campa cavallo.

deve tipo sfuggire di mano… vedesi negli anni passati, tizie che avevano combinato delle robe atroci online/streaming e sono state oscurate SOLO DOPO che i video sono finiti ai media, che ne hanno ricamato articoli sensazionalistici…
ah si… ed in questo orrore, le donne o le ragazze… sono anche loro protagoniste. protagoniste attive. non come vittime perenni. come CARNEFICI. altro che il concetto femminista delle vittime. vittime un cazzo.
ne hanno combinate tante che, a fare le ricerche “giuste”, tutt’ora nei meandri oscuri di internet si vedono le foto ed i filmati.  robe che dire spaventosamente atroci ed orribili, infami e vigliacche è nulla.

e come sempre, si ritorna al solito modo di agire femminista.
le femministe pubblicizzano i fatti a loro favore. sempre. se ci sono di mezzo maschi bianchi ed etero (vedesi la carneficina in diretta streaming in nuova zelanda / moschea da parte di un uomo bianco) subito ad urlare sensazionalismo e vittimismo… MA quando le stesse atrocità sono di “altri” allora è un “non pervenuto“.
per l’appunto, mille articoli sul killer che sparava in moschea in nuova zelanda, o il ragazzo che sparava nel cinema di batman. o nel campus. ma se l’assassino non è bianco ed occidentale… l’evento scompare. 
e si ritorna agli islamici che decapitano e sgozzano, bruciano e sventrano. si anche bambini. che siano medio orientali, sud asiatici o africani poi cambia poco.

ah si… e facebook?
facebook rimuove questo schifo con calma.

DEVONO ANALIZZARE BENE, eh!

ed intanto si può accedere al lato oscuro e malvagio dell’umanità. in diretta facebook. con un click.

ma ehy, se alcune dozzine di persone vedono questo… è un qualcosa che capita, che non si poò fermare questo!!! non ci sono abbastanza risorse per monitorare. ci sono anche altre cose da controllare.
tipo dire scrofa ad una psicpatica femminista.
eeeeeeh, lei si che soffre, lei si che è da proteggere.

ed anche le femministe… sono tutte a PRETENDERE risorse per il loro piccolo orticello.

per dire:
Arianna Muti viene presentata al mondo come “la studentessa del corso di laurea magistrale Language, Society and Communication dell’Università di Bologna” che ha progettato un algoritmo per stanare, bloccare e rimuovere post misogini su Twitter.
(ah si, ha progettato con altri… ma sai… siamo nel mondo femminista e gli altri se maschi devono lasciare spazio 🙂 )

ed eccolo il grande contributo umano femminista nel mondo:

IO, IO, IO, sempre IO.

IO femminista, IO femmina, IO centro del mondo, IO da preservare, IO più importante di tutto e tutti.

intanto uno che si suicida… beh sticazzi. un privilegiato di meno. e se ammazzano… “ecco i maschi bianchi che ammazzano, sganciatece li sordi e datece leggi (sessiste) e potere per noi!!!! siamo vittimeeeeh!!!

ah si.
approposito del soldato che si è suicidato… salta anche fuori che la propaganda femminista ci ha ricamato sopra ALLA GRANDE, un gran gozzovigliare come insetti sulle carcasse in decomposizione. appena scorta la notizia, via ad inventare una storia comoda per il femminismo: “il militare si è suicidato perchè era stato lasciato dalla compagnaaaah!!! maschi pericolosi!!! fortuna che si è ammazzato lui se no era femminicitioooh“. storiella poi negata dai familiari… ma ormai con i vari newyorktimes & co che titolano il contrario… la guerra femminista è bella che vinta. con le bugie, come sempre.

un evento, qualsiasi evento, distorto per la propaganda femminista.

tutto deve essere a prova di femminismo. se non lo sei, è un problema. magari oggi è un ban. magari domani è un’essere schedati come terroristi.

ridete?

non credo vi convenga…
la proposta di catalogare gli “incel” come terroristi da schedare (via forze dell’ordine) è una proposta vera che è in corso nella nostra europa. è realtà.
ed “incel” è termine identificativo relativo
…incel diviene chiaro: è dissidente. chiunque abbia da dire/criticare/insultare al femminismo.

si è già visto come “fascista” sia stato sdoganato a sproposito e mono direzionalmente.
chi non è pro femminismo, chi non è il bravo e servizievole schiavetto… è un fascista. è un incel.

ma vabbè.

…solo la fantasia sarà il limite.

ma queste sono solo esagerazioni mie.
ovviamente.

waaat

quando un interesse “aziendale” deve essere tutelato, poi si notano subito le contraddizioni… prendete e picchiate un tizio, magari lasciandolo con danni a vita, e vi fate gli stessi anni di galera di uno che pirata 1000 film. perchè fottere un’azienda è NO, inculare un povero bastardo è un “vabbè”. con il femminismo, si applica lo stesso modello.

we-all-can-do-it

simbolofeminazi_0